28 Apr

Arriva il 31 dicembre e, come da tradizione il nuovo anno viene salutato con l’esplosione di botti e fuochi d’artificio. Ogni anno centinaia di animali domestici perdono la vita o restano vittime di incidenti causati dalla paura dei botti di fine anno. Non entro in merito alla classica diatriba tra chi è pro o contro a questa pratica, ma è fondamentale prendere precauzioni prima del momento cruciale, in modo tale da arrivare preparati e far vivere l’evento nella maniera più indolore possibile ai nostri amici a quattro zampe. Ci sono animali che per selezione, buon allevamento nei primi mesi di vita e abitudine ai rumori forti (vedi alcuni cani da caccia, cani militari o semplicemente cani di buona tempra e abituati alle detonazioni) non temono l’esplosione dei petardi e vivono serenamente la cosa senza dar troppa importanza all’evento. Altri, però, per scarsa selezione a tal scopo, tempra bassa e poca abitudine a tali rumori (o traumi ad essi associati) possono reagire con un leggero timore o addirittura avere delle vere e proprie reazioni di panico che di frequente provocano incidenti di vario genere, con esiti spesso fatali per quei pet cosi sensibili.

Consiglio sempre a scopo preventivo di abituare gradualmente il cucciolo ad ogni genere di situazione (magari anche con l’aiuto di un professionista qualificato che sappia guidarci affinché il nostro cane cresca nella maniera più equilibrata possibile) e lavorare per tempo sulle sue paure allo scopo di arginarle.

Se questo non fosse possibile, e non abitassimo in posti lontani dai botti, facciamo in modo che il cane la notte di Capodanno sia in un contesto sicuro, nel quale non possa farsi male e dal quale non possa evadere (evitiamo di lasciarlo solo in giardino esposto alla baldoria delle detonazioni), preferibilmente dentro casa, già da prima che inizino a scoppiare i primi botti. Sarebbe ottimale abbassare le tapparelle, e aumentare il volume di radio o tv (cosa irrilevante se il cenone con amici e parenti sarà organizzato dove si trova il cane: gli invitati faranno abbastanza rumore di per sé) e che il cane avesse un posto della casa per ripararsi in caso di bisogno (cuccia, trasportino, cesta preferita, ecc.).

Alle prime detonazioni, non precipitiamoci fuori aprendo porte o finestre, ma agiamo come se niente fosse, con tutta tranquillità e se il cane è abbastanza lucido distraiamolo con qualche gioco da fare insieme, ma senza insistere troppo e senza dare risalto a quelli che sono i comportamenti di paura. Stiamogli pure vicino, ma non esasperiamo le sue reazioni ai botti.

Chiaramente la prevenzione e la corretta gestione del nostro quattrozampe sono la base per poter passare serenamente l’ultimo dell’anno, compatibilmente con le esigenze del nostro amico.

Il mio Curriculum Vitae

© Tutti i diritti riservati Bernardino Deiana. | p.iva 03735530929 | sito creato da @andymnc